Schede audio e sistemi operativi: approfondimento, cosa sapere

1
2
3
4
5
Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione
Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...
Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...
Behringer U-PHORIA UM2
M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...
Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione
Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...
Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...
Behringer U-PHORIA UM2
M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...
Focusrite
Focusrite
Behringer
Behringer
M-Audio
Bestseller No. 31
Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione
Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione
Preamplificatori microfonici Scarlett più performanti con la funzione AIR, per mixare chitarre o...Due ingressi per collegare la chitarra o il bassoDue ingressi di linea bilanciati, adatti per il collegamento di sorgenti a livello di linea
Bestseller No. 32
Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...
Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...
Il preamplificatore microfonico dalle prestazioni migliori che la gamma scarlett abbia mai visto, da...Un ingresso per strumenti con headroom elevato per collegare la chitarra o il bassoConvertitori ad alte prestazioni per registrare e mixare fino a 24-bit/192.khz
Bestseller No. 33
Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...
Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...
Precisione a 48 kHzStudio in una piccola scatola neraOttima integrazione con DAW popolari
Bestseller No. 34
Behringer U-PHORIA UM2
Behringer U-PHORIA UM2
Bestseller No. 35
M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...
M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...

È importante sapere che la scheda audio sia compatibile con il proprio sistema operativo perché non tutte lo sono con tutti. Approfondiamo il discorso dei sistemi operativi per capire quali sono le differenze e come mai le schede audio devono essere adatte agli stessi. In realtà il discorso è molto più ampio e complesso e conoscere la struttura dei vari sistemi operativi con i quali abbiamo a che fare tutti i giorni è importante a prescindere. Ogni volta che compriamo una scheda audio c’è scritta la compatibilità con il sistema operativo. È una cosa fondamentale da sapere perché se non c’è compatibilità, il dispositivo non funzionerà mai. Oggi i sistemi operativi sono numerosi ma fondamentalmente per le schede audio è importante conoscere Windows e Macintosh. Sono utili anche i sistemi operativi mobili ed anche quelli meno popolari come Linux.

Sistema operativo: che cos’è?

Molte persone utilizzano quotidianamente dispositivi elettronici come PC, laptop, smartphone o tablet. Pertanto, incontriamo costantemente sistemi operativi. Tuttavia, pochissimi utenti sanno davvero cosa può fare questo software e perché è installato su tutti questi dispositivi.

Mentre laptop e desktop utilizzano principalmente Windows, MacOS o Linux, la maggior parte dei dispositivi mobili funziona con iOS o Android.

Sebbene tutti questi sistemi operativi differiscano in molti modi, i loro compiti e la loro struttura sono in linea di principio molto simili. Perché hai bisogno di un sistema operativo? Accendendo il laptop, puoi prima vedere come si avvia il sistema. A seconda del sistema operativo scelto, si avvia Windows, Linux o MacOS.

È solo quando questo sistema, così importante per il funzionamento del dispositivo, viene caricato che puoi metterti al lavoro e avviare programmi, collegarti a Internet o aprire file. Tuttavia, il sistema operativo non è responsabile dell’avvio del dispositivo. È preceduto dal BIOS, che si occupa del processo di avvio effettivo.

Tuttavia, il BIOS ha solo capacità molto rudimentali, che sono principalmente legate al processo di avvio. Durante quest’ultimo, il BIOS avvia anche il sistema operativo, che poi assume la piena amministrazione del computer. Gran parte di questa attività si svolge in background. Windows e Co. sono disponibili anche come interfacce tra l’utente e il computer.

L’ampio software consente di effettuare impostazioni sui dispositivi, installare e disinstallare programmi ed eseguire software. I sistemi operativi non funzionano solo su dispositivi noti all’utente come smartphone e PC. In linea di principio, i dispositivi digitali più complessi hanno un sistema operativo, ma di solito viene eseguito in background per gli utenti.

I sistemi operativi sono progettati graficamente per essere usabili

Oggi, la maggior parte dei sistemi operativi è progettata graficamente e si concentra sull’usabilità. Le funzioni più importanti dovrebbero essere accessibili agli utenti con pochi clic del mouse; la navigazione nei menu dovrebbe essere il più intuitiva possibile. Tuttavia, non è sempre stato così.

All’inizio, quando i primi computer erano usati per scopi scientifici e militari, non esisteva alcun sistema operativo. A quel tempo, tutto veniva fatto direttamente con la macchina stessa, non esisteva ancora un sistema intermedio.

Ma quando apparvero i primi PC, cioè computer che non avevano più le dimensioni di un cabinet, anche i sistemi operativi erano apparecchiature standard.

I primi sistemi operativi non avevano ancora un’interfaccia utente grafica. Invece lavoravano con una riga di comando, che puoi ancora trovare in Windows PowerShell oggi. Per ogni azione, che fosse l’apertura di un file, la navigazione nella struttura delle cartelle o l’avvio di un programma, dovevi conoscere e digitare il comando corretto.

È successo solo quando è stato possibile utilizzare i computer in casa che le interfacce utente più semplici sono diventate mainstream. Le due società Microsoft (con Windows) e Apple (con MacOS) sono all’origine.

Compiti di un sistema operativo

Il sistema operativo è virtualmente il cuore di ogni computer. Senza questo software complesso, altri programmi non possono funzionare. I compiti che il sistema deve svolgere sono molteplici. Alcune cose accadono completamente in background e molte altre avvengono simultaneamente.

Una delle attività più importanti del sistema operativo viene solitamente eseguita in modo invisibile agli utenti in background. Il software gestisce tutto l’hardware, sia in ingresso che in uscita. A tale scopo, il sistema utilizza i driver forniti dai produttori di hardware. Utilizzando i driver, è possibile ricevere e trasmettere comandi dalle periferiche e trasmettere comandi all’hardware stesso.

Ecco come funzionano la tastiera, il mouse, il monitor, il disco rigido, la scheda grafica, la scheda audio e tutto il resto che compone un computer.

Quando si scarica un software da Internet, la pagina di download di solito offre una scelta di versioni per diversi sistemi operativi. Ciò mostra quanto la programmazione delle applicazioni sia strettamente correlata alle specifiche del sistema operativo.

I sistemi informatici di base hanno interfacce che controllano la comunicazione con diverse applicazioni. Pertanto, è possibile che un’applicazione riceva memoria, sia autorizzata a utilizzare le risorse del processore e possa elaborare i dati inseriti con la tastiera e il mouse.

I moderni sistemi operativi consentono di creare diversi utenti

Una volta che hai scritto un documento, puoi stamparlo (dove l’applicazione passa l’istruzione al sistema operativo, che a sua volta la passa alla stampante) o salvare il file in una cartella. Anche lavorare in una struttura di directory è possibile solo tramite il sistema operativo. Sul disco rigido stesso, questo non esiste.

In alcune situazioni, ad esempio nel contesto aziendale, persone diverse lavorano sullo stesso dispositivo. Ma non tutti dovrebbero essere in grado di apportare modifiche al sistema. I moderni sistemi operativi consentono quindi di creare diversi utenti e di adattare i loro diritti individualmente. Ogni account può essere protetto con una password.

Anche le persone senza particolari competenze informatiche dovrebbero essere in grado di utilizzare un computer senza problemi.

È quindi importante per un sistema operativo progettare funzioni e opzioni il più semplici possibile. Gli aspetti più importanti dovrebbero essere facili da usare anche per i principianti. Inoltre, molti sistemi operativi, soprattutto per PC, forniscono opzioni aggiuntive per gli utenti aziendali.

Il sistema operativo organizza l’hardware, quindi è responsabile della scheda di rete e della connessione a Internet e ad altre reti. In genere, è possibile utilizzare un sistema operativo per configurare il computer come partecipante di rete, ad esempio per impostare un indirizzo IP specifico. Nelle impostazioni è anche possibile inserire le specifiche di una LAN e di una sottorete per connettersi ad altri PC.

Le impostazioni di rete consentono inoltre di specificare individualmente il server DNS. La sicurezza non è affatto un’attività tradizionale del sistema operativo e può sempre essere ottenuta con software aggiuntivo. I computer sono esposti a pericoli quando sono costantemente connessi a Internet, quindi i sistemi operativi hanno le proprie misure di sicurezza integrate.

Windows, ad esempio, dispone di un firewall e di uno scanner antivirus propri.

Struttura di un sistema operativo

Il sistema operativo si trova tra l’hardware e altri software. Per rendere possibile il lavoro amministrativo, tutti i sistemi operativi hanno una struttura leggermente diversa rispetto alla maggior parte degli altri programmi. Si dice che i sistemi siano costruiti da diversi livelli.

Sul livello inferiore, quello più lontano dall’interfaccia utente, c’è il kernel, la parte più importante del sistema operativo. Questo programma è quindi anche il primo ad essere caricato. Il kernel si interfaccia direttamente con l’hardware, inizializzando e passando i comandi dai programmi in esecuzione all’hardware.

Questo nucleo viene quindi utilizzato come base per gli altri livelli, che si allontanano sempre più dall’interazione con l’hardware. Ogni livello comunica solo con il livello sopra o sotto di esso.

Infine, in alto c’è l’interfaccia utente, l’interfaccia tra utenti e software. Se l’utente esegue un’azione, tale istruzione viene guidata attraverso i vari livelli fino a raggiungere il posto giusto, ad esempio il processore. I sistemi operativi possono essere classificati in diversi aspetti. È ovvio, ad esempio, che i sistemi operativi per dispositivi mobili differiscono da quelli per desktop e laptop.

Ma puoi anche guardare il software sottostante. Viene generalmente fatta una distinzione tra sistemi basati su Unix (come MacOS e Linux) e sistemi operativi di tipo VMS come le versioni più recenti di Windows. Le versioni precedenti di Windows sono basate su DOS. Esistono anche sistemi operativi progettati specificatamente per i server. Probabilmente i sistemi operativi più conosciuti e più utilizzati sono Windows, MacOS, varie distribuzioni di Linux, iOS e Android.

Il sistema operativo più conosciuto sul mercato e con oltre 30 anni è anche uno dei più vecchi: la maggior parte delle persone ha probabilmente lavorato su un PC Windows. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il prodotto Microsoft è già installato su molti computer di serie. Una nuova versione di Windows e degli altri sistemi operativi viene rilasciata a intervalli regolari.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma l’informatica è quello che preferisco perché lo conosco sin dalla nascita dei PC negli anni ’80. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e nuove tecnologie e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Classifica dei Migliori Prodotti

1 Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione

Focusrite 2i2 Scarlett - Interfaccia audio USB di terza generazione

  • Preamplificatori microfonici Scarlett più performanti con la funzione AIR, per mixare chitarre o...
  • Due ingressi per collegare la chitarra o il basso
  • Due ingressi di linea bilanciati, adatti per il collegamento di sorgenti a livello di linea
2 Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...

Focusrite MOSC0024 Scarlett Solo 3rd Gen - Interfaccia audio USB da 2 ingressi e 2 uscite,...

  • Il preamplificatore microfonico dalle prestazioni migliori che la gamma scarlett abbia mai visto, da...
  • Un ingresso per strumenti con headroom elevato per collegare la chitarra o il basso
  • Convertitori ad alte prestazioni per registrare e mixare fino a 24-bit/192.khz
3 Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...

Behringer U-PHORIA UMC22 Interfaccia audio USB 2x2 Audiophile con preamplificatore microfonico...

  • Precisione a 48 kHz
  • Studio in una piccola scatola nera
  • Ottima integrazione con DAW popolari
4 Behringer U-PHORIA UM2

Behringer U-PHORIA UM2

  • 2 x 2 interfacce audio USB da 48 kHz per microfoni e strumenti di registrazione
  • Per 2 input/2 output con latenza molto bassa al vostro computer che supporta Mac OS X e Windows XP...
  • Preamplificatore microfonico XENYX all'avanguardia con potenza di + 48 V paragonabile ai...
5 M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...

M-Audio M-Track Duo – Interfaccia audio USB per la registrazione, lo streaming e il podcasting,...

  • Podcast, registrazione, streaming dal vivo, un'interfaccia per tutto – Scheda audio USB per Mac o...
  • Interfaccia M Audio versatile e pronta a tutto - Registra chitarre, voci o sorgenti audio di linea...
  • Tutto ciò che serve per un monitoraggio senza problemi – Uscita cuffie da 1/4” e uscite stereo...
Back to top
Apri Menu
guidaschedeaudio.it